Intestazione
Meteo: Nuvoloso. Temperatura 8°C con vento da SSW a 16 Km/h.

Pubblicità

Donazione

Donazione a Oulx.org

Per contribuire alle spese di hosting, al mantenimento del sito, della webcam e di tutti i servizi che Oulx.org propone gratuitamente ai visitatori è possibile inviare una donazione all'autore del sito.

Clicca qui per saperne di più.

Critiche amm.ne comunale

Anonimo alle 06:46 del 10 ottobre 2010 scrive

In effetti di cose da dire ce ne sarebbero anche sulla pro loco e sulle altre associazioni del paese, che ogni anno organizzano sempre le stesse cose e sembrano delle "caste". Ma quello è il male minore, rispetto alla pochezza dell'amministrazione politica di Oulx. D'altronde, le associazioni sono lo specchio delle amministrazioni che hanno: quindi è una conseguenza, ma criticare dei volontari che donano il loro tempo, è come sparare sulla croce rossa. Finchè viene guidata male un'associazione, non ci sono problemi...ma quando viene guidato male un Comune....lì si che mi preoccupo, tenendo conto che si tratta di cose serie, più dei mercatini che fate sempre in estate!
Dalle risposte degli "ospiti" anonimi, mi pare che conoscano molto bene l'amministrazione comunale....non è che siano proprio loro alcuni dei politici di Oulx che stanno in Comune? Allora a questo punto, dateci risposte più precise sulle critiche che vi abbiamo mosso, ma metteteci almeno il nome!
Un'altra pecca amministrativa riguarda proprio il centro paese: questo Comune sembra che si occupi sempre delle frazioni, e poco del centro paese...e poi quel cartello messo sulla rotonda.....così come aver permesso al supermarket di tirare su quell'enorme mostro eolico....prima si dicono No Tav per tutelare l'ambiente, poi permettono l'innalzamento di quelle robe che rovinano il panorama ed il paesaggio di Oulx? che bella contraddizione....

Anonimo alle 07:13 del 11 ottobre 2010 scrive

Caro Gianni condivido la sua posizione sull'insistenza del comune di Oulx a dire no alla TAV.
Questa posizione assurda colloca Oulx in un angolo, lontano dalla collaborazione con lo Stato e con il progresso.
Condivido anche la sua analisi sul turismo, per il quale nulla è stato fatto se non cose ripetitive e vecchie.
Non mi resta che dire POVERO PAESE!!!!!

Anonimo alle 01:33 del 12 ottobre 2010 scrive

Amministrare una comunità non credo sia cosa semplice. Una amministrazione ha un mandato di gestione ma anche e soprattutto di sostenere lo sviluppo socioeconomico della comunita’ dalla quale ha avuto questa delega. Accanto alle strategie di sviluppo ci sono tuttavia da gestire problemi di ordinaria e straordinaria amministrazione. Che non sono pochi. Le strategie di sviluppo sono tuttavia le linee guida per gli eventuali investimentifinalizzati al perseguimento di determinati obiettivi. Quindi prima di tutto gli obiettivi. Credo che nelle strategie di sviluppo di Oulx l’obiettivo possibile sia uno solo: incrementare il turismo. Non avendo insediamenti industriali (meno male) o istituzioni di prestigio non rimane,credo, che il turismo . Oulx ha di suo la posizione, strategica dal punto di vista delle comunicazionie gradevole dal punto di vista geografico. Il turismo ha il vantaggio di incrementare non poco le entrate delle comunità ed il lavoro, che non sono cose da poco. Per attirare il turismo bisogna però fare delle cose. Oulx ha nei dintorni una concorrenza non banale fatta di strutture ricettive che sono finalizzate soprattutto a sfruttare le risorse invernali (neve). Bene, con la precedente amministrazione Oulx ha deciso di non avvalersi di questa opportunità uscendo di fatto dal circuito del turismo invernale (ricordo che gli organi Olimpici e lo stato avrebbero dato al comune 11.000.000 di euro per gli impianti di risalita, rifiutati dall’amm.ne Cassi attraverso stravaganti soluzioni).Adesso questi soldi non ci sono piu’ e bisogna inventarsi qualcos’altro, ad esempio focalizzarsi sul turismo estivo o su un turismo invernale parzialmente slegatodagli impianti di risalita (di Sauze). Oulx credo che abbia una piccola massa critica riicettiva sufficiente a partire sul versante turistico. Qualche albergo, qualche residence, un po di B&B e tante case private come la mia ad uso estivo.Ma quale forma di turismo dare ad oulx che differisca da quelle dei comuni limitrofi ?Alcuni esempi:
Data la posizione logistica potrebbe essere il turismo d’affari attraverso convegni, conferenze, congressi, seminari; magari collegate direttamente con le aziende (Fiat, SanPaolo, congressi per medici ospedalieri, seminari, ...Uno dei mestieri che vedrei bene per un assessore al turismo e’ stabilire questi contatti e sponsorizzare le offerte comunali.). Ma ci sono le strutture per accogliere un congresso magari per 500 persone ?
Turismo scolastico organizzando visite da parte delle scolaresche (ad es. di Torino, dove risiedo); le olimpiadi della matematica;
Sempre perla posizione logistica potrebbe essre quello delle fiere mentre per quella geograficadei parchi naturali, rendendo il territorio il piu’ gradevole possibile affinche’ sia appetibile da chi ad Oulx non ci abita.
Ma ci stanno ancora altre idee.

Anonimo alle 05:01 del 12 ottobre 2010 scrive

Grazie a Guido Stasio, finalmente idee costruttive, è così facile fare i criticoni e molto meno essere propositivi.

Anonimo alle 03:58 del 14 ottobre 2010 scrive

Caro guido stasio, apprezzo il tuo intervento.
pensare in positivo e chiunque governi questo paese fare solo critica costruittiva, aiutare con idee e manodopera. Oulx sta cambiando e noi aiutiamoli a cambiare

Anonimo alle 04:44 del 16 ottobre 2010 scrive

Ma finalmente in questo sito iniziano a farsi spazio voci di dissenso, e finalmente vengono segnalate le tante pecche di questa nuova amministrazione comunale....sui giornali queste cose non vengono scritte....ma ormai è chiaro che siamo nelle mani sbagliate! Perchè non cambiamo paese? Oppure, fra 5 anni....cambiamo sindaco????

Anonimo alle 05:01 del 16 ottobre 2010 scrive

Grazie signora Emma: l'analisi di Guido Stasio fa acqua da tutte le parti:
dire di no a tutte le grandi opere, Tav, tunnel sotto il Monginevro, canna del Frejus, è un suicidio per il nostro territorio, ed è comodo per politici che hanno lo stipendio garantito dallo Stato o dagli inciuci, rifiutare ipotesi di sviluppo.
Chi conosce davvero Oulx, sa che il paese non può vivere solo di turismo: ma Guido Stasio come fa a dire certe cose? Conosce le famiglie che vivono qui? I loro problemi economici e sociali?
I nostri amministratori, con i loro no di oggi, avranno al responsabilità sulla disoccupazione dei nostri figli, che già oggi per trovare lavoro devono scappare a Torino o in città diverse dal nostro paese: vergognatevi.
La cosa migliore, sicuramente, sarebbe dimettersi...ma tanto la poltrona piace a tutti, e non lo faranno mai

Anonimo alle 06:35 del 18 ottobre 2010 scrive

CARO SIG. GIANNI LA RINGRAZIO PER IL SUO INTERVENTO DECISAMENTE CENTRALE.
QUESTA AMMINISTRAZIONE PER LA SCELTA IRRESPONSABILE NO TAV NON SOLO HA RELEGATO OULX AL DI FUORI DI UNO SVILUPPO CONCRETO (SONO D'ACCORDISSIMO CON LEI CHE OULX NON PUO' VIVERE SOLO DI TURISMO PER CARITA' CI VUOLE ANCHE QUELLO) MA HA CONDANNATO I NOSTRI GIOVANI A CERCARE LAVORO AL DI FUORICON LA CONSEGUENZA DI ALLONTANARE LA GIOVENTU' DAL LORO PAESE PER VIVERE E AVERE UN FUTURO. ...............DATI I TEMPI E LA CRISI!!!!!

Anonimo alle 07:51 del 20 ottobre 2010 scrive

Solo per diritto di replica mi permetto di rispondere ai "partigiani" Gianni ed Emma poi non interverrò più.
Dite che Oulx non può vivere di solo turismo e che la gente scappa da qui alla città, vi chiedete dove vive Guido Stasio: ma vi rendete conto di cosa farneticate?
L'alta valle ancora adesso in periodo di forte crisi riceve lavoratori (meno che una volta ovviamente) e sfama gente che fugge dalla città, quindi è vero il contrario di quello che affermate.
Non capisco cosa vogliate dire affermando "solo turismo", certo che Oulx ha una posizione particolare in alta valle ed è vocazionalmente un fornitore di servizi agli altri paesi oltre che lui stesso paese turistico (se no le seconde case per chi sarebbero state costruite?); forse vi interessa una fonderia ad Oulx? O magari demolire il villaggio Pra Long per ripristinare un bel aeroporto internazionale e fare la guerra degli hubs?
E' troppo facile buttare lì del veleno, senza peraltro confortarlo con documentazione, sparare a zero su tutto e su tutti ma non avere nulla da controproporre; tutti no?
Le scelte ambientaliste poi sono scelte che stanno coinvolgendo un po' tutto il mondo (Obama docet), certo si possono contestare (W la democrazia!) ma non con la solita sciocca tiritera che diciamo di no a tutto (FALSO), che il progresso va così (ma quale progresso?), che moriremo di fame senza TAV (sicuramente rischieremo di morire per malattie polmonari dovessero mai farlo).
Se poi Gianni ha certezze di inciuci faccia nomi e cognomi e la smetta di criticare gli stipendi fissi perché molti ambientalisti, compreso chi scrive, lavora in proprio e ci mette del suo, non bustarelle né denaro altrui.

Anonimo alle 11:10 del 22 ottobre 2010 scrive

Eccomi, sono tornato dopo un tour di Zelig! ahahahahahah!
Però è proprio vero che alcuni politici fanno più ridere di me....sanno solo dire di NOOOO:
- no allo sviluppo
- no a nuovi posti di lavoro per i nostri figli
- no ad eventuali opere di compensazione che potrebbero ricadere a Oulx
- no al collegamento strategico con l'ipotetico tunnel del Monginevro, che alcuni mesi fa era stato presentato in un incontro in municipio, e subito bocciato dall'amministrazione comunale
. no alla seconda canna del Frejus (tanto chissenefrega delle centinaia di persone che loutilizzano ogni giorno ad un senso solo di marcia, rischiando davvero la pelle)
- no alla tav (ovviamente: perchè altrimenti, che giunta di sinistra è????)

Evviva! facciamoci tutti grandi risate (o forse c'è poco da ridere?)

Clicca qui per rispondere alla discussione
Per rispondere alla discussione è necessario essere registrati. Clicca qui per registrarti o autenticarti.